sabato , Aprile 13 2024

Fenomenologia dell’essere umano. Lineamenti di una filosofia al femminile

La presenza sempre più frequente di pensatrici nel corso del Novecento pone la questione relativa all’ originalità della loro presa di posizione: mera ripetizione di temi e di soluzioni elaborati da una tradizione che è stata prevalentemente maschile, oppure apporto peculiare ad una ricerca, quale è quella filosofica, che sembra delinearsi con una sua neutralità, ma che può, tuttavia, risentire dell’influenza di uno stile di indagine caratterizzato da una sensibilità femminile? Una risposta a tale domanda proviene da una particolare prospettiva, quella fenomenologica, la quale ha rivoluzionato l’impostazione prevalente nella tradizione speculativa occidentale, proponendo una” descrizione essenziale” che nasce dalla disponibilità a lasciar parlare le “cose stesse”. Le pensatrici, alle quali ci si riferisce in questo libro, Hedwig Conrad-Martius (1888-1966), Edith Stein (1891-1942) e Gerda Walther (1897 -1977), accettano di assumere tale atteggiamento in quanto consente di dare un impulso originale alla ricerca filosofica attraverso un’analisi che tende a dilatarsi verso la comprensione della totalità, e che fornisce una soluzione dei problemi che sono posti dalle scienze della natura, dalle scienze umane e dalla metafisica. Si constata, quindi, che il metodo fenomenologico risulta congeniale ad una modalità femminile di approccio alle questioni.

About administrator

Check Also

Educazione Orizzontale

Il mestiere di sorelle e fratelli nelle famiglie numerose, a cura di Francesco Belletti, Raffaella e …