venerdì , Luglio 19 2024

Anna e Gianfranco

Siamo felici di testimoniare la nostra personale esperienza dopo aver seguito un apposito percorso di di coppia presso lo Sportello di Consulenza Familiare della Parrocchia di Botricello. Siamo sposati da circa venti anni e la nostra relazione ha sempre avuto alti e bassi nonostante avesse l’aspetto di una apparente tranquillità. Tuttavia negli ultimi tempi eravamo giunti ad un punto di assoluta incomunicabilità, per cui ciascuno di noi, probabilmente seguendo modelli genitoriali a loro volta inadeguati, cercava di andare avanti da solo senza mai confrontarsi o cercare il supporto dell’altra. Eravamo sul punto, in definitiva, di compromettere inconsapevolmente anche la serenità dei nostri figli, che si accingevano a diventare adolescenti, con gli inevitabili rischi che questa fase della vita comporta. Ma ci ostinavamo a gestire la situazione con le nostre consuete modalità. Molte scelte della nostra vita si sono rivelate fallimentari ma questa è stata senza dubbio la più giusta e la più misteriosa perchè ancora oggi non sappiamo quale forza ci abbia spinti ad intraprendere un percorso che ritenevamo fosse riservato a chi aveva problemi, quindi non a noi. Ed invece, siamo stati accolti da professionisti esperti, la dottoressa Giulia Battigaglia e don Rosario Morrone, grazie ai quali siamo riusciti a vedere alcuni aspetti della nostra personalità, e di conseguenza della nostra relazione, che erano rimasti nascosti per anni. Infatti, abbiamo compreso che il vissuto delle nostre rispettive famiglie di origine e altre varie vicende della vita ci avevano fortemente condizionati e ciò aveva pesato molto sulla nostra libertà, sul nostro affetto e sulla spontaneità del nostro vivere quotidiano. Questo dato di fatto tuttavia era invisibile ai nostri occhi ma giorno dopo giorno, durante i vari colloqui, con competenza e con dolcezza i consulenti familiari ci hanno aiutato ad acquisire consapevolezza sulle cause dei nostri rancori e della mancanza di fiducia reciproca; ci sono stati forniti inoltre validi strumenti per gestire la nostra coppia in maniera del tutto nuova ed aperta all’altro. Questa nuova impostazione ha aiutato anche i nostri figli ad acquisire una maggiore sicurezza e così facendo li abbiamo anche preservati da inutili e quotidiani litigi. Possiamo tranquillamente affermare quindi che questa esperienza non deve essere vista solo come un rimedio per la classica “crisi di coppia”, ma soprattutto come uno strumento per rafforzare la coppia ed aiutare in genere la famiglia a fondare i propri rapporti sulla sincerità e sulla fiducia reciproca. Crediamo che sia un percorso che vale la pena di sperimentare e che consigliamo assolutamente a tutti per vivere una vera e propria svolta come è capitato a noi.

About administrator

Check Also

Marianna

"Sono una mamma di 37 anni con tanta sofferenza alle spalle. Sono cresciuta fin dall'età di 11 anni senza la figura del mio caro papà scomparso prematuramente, in una famiglia in cui la mia mamma ha dovuto tirare su me e i miei due fratelli lavorando sempre e portando con sé tanta rabbia verso la vita che le aveva tolto tutto troppo presto. Così fui io, essendo la maggiore, a pagarne le conseguenze.